Press

10/08/1977 – Press Kit NASA to launch SIRIO communication Satellite for Italy

NASA News – The first Italian experimental communications satellite, SIRIO, is being readied for launch Aug. 17 from Launch Complex 17, Eastern Test Range (ETR) at NASA’s Kennedy Space Center, Fla., on a Delta launch vehicle. The launch window is 7:40 to 9:00 p.m. EOT.  Scarica qui

25 ago 1987 – Il Satellite Italiano ‘SIRIO’ Compie Oggi Dieci Anni

Repubblica.it  – “Questa notte, tra il 25 e il 26, Sirio, il satellite italiano più complesso finora lanciato, compirà dieci anni. Dieci anni durante i quali ha già stabilito diversi primati e non soltanto nazionali. Ora si appresta ad una nuova performance. Infatti dopo 24 mesi passati in silenzio è stato riacceso la settimana scorsa ed è apparso ancora in grado di riprendere a funzionare. Il satellite era stato lanciato a scopo sperimentale e sarebbe dovuto rimanere attivo per due anni a 36 mila chilometri di altezza per trasmettere ad alte frequenze, superiori a 10 gigahertz.” Leggi tutto qui

22/08/2017 – In orbita 40 anni fa Sirio, il primo satellite per telecomunicazioni Made in Italy

DIRE – Sono passati 40 anni dal lancio del satellite italiano Sirio. Il 26 agosto del 1977 partiva da Cape Canaveral a bordo del vettore Delta 2313 della Nasa: si presentava come un cilindro dal diametro di 143 centimetri, pesante 229 kg e ricoperto da celle solari. E’ stato il primo satellite geostazionario per telecomunicazioni completamente made in Italy. Leggi tutto qui

22/08/2017 – I 40 anni di Sirio, primo satellite di telecomunicazioni italiano

Air-Radiorama – Dopo essere stato nel 1964 il primo Paese al mondo – dopo Stati Uniti e Unione Sovietica – a inviare nello spazio un satellite per la ricerca scientifica (con il progetto San Marco), il 25 agosto del 1977, l’Italia concede il bis con una nuova missione. Leggi tutto qui

22/08/2017 – Astronautica. 40 anni fa il lancio nello spazio di Sirio, primo satellite Tlc italiano

Avvenire.it – «Avevo le dita fredde come ghiaccio quando ho dato il comando di accendere il motore di apogeo (in pratica è il motore a reazione che viene utilizzato per trasferire il satellite geostazionario sul quale è montato dall’orbita di trasferimento, nella quale lo ha messo il vettore, all’orbita finale, ndr)», ha raccontato Stefano Trumpy, all’epoca Flight operation manager per il lancio e la messa in orbita geostazionaria di Sirio. Leggi tutto qui

23/08/2017 – I 40 anni del lancio di sirio

Consiglio Nazionale delle Ricerche webtv – Nel video di repertorio, un’intervista a Stefano Trumpy del Cnuce (oggi Isti-Cnr), responsabile delle operazioni di volo del progetto Sirio alla Nasa, messa in onda mezz’ora prima del lancio dalla tv del Goddard Space Flight Center, in cui si illustravano le finalità del progetto e le principali caratteristiche del satellite. Vedi qui

25/08/2017- Sirio: 40 anni fa l’Italia diventa protagonista nelle telecomunicazioni spaziali

LaStampa.it – E così SIRIO (dalle iniziali di “Satellite Italiano Ricerca Industriale Orientata”) partì dal Centro Spaziale Kennedy di Cape Canaveral sulla cima di un razzo “Delta” il 26 agosto 1977, e fu collocato in orbita geostazionaria, quella tipica dei satelliti per telecomunicazioni, che si trova a circa 36.000 chilometri dalla Terra. – Leggi tutto qui

25/08/17 – 40 anni fa l’Italia lanciava il primo satellite per le telecomunicazioni

ANSA.it – ”Sirio rappresenta una pietra miliare per l’attività spaziale italiana: è stato un passo importante che ha permesso alla nostra industria di crescere e consolidarsi e di giocare un ruolo importante nelle telecomunicazioni” ha detto all’ANSA il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Roberto Battiston. Se l’Italia oggi è la sesta potenza del settore spaziale, ha rilevato Battiston, è anche grazie alla strada aperta da quel lancio. – Leggi tutto qui

26 ago 2017 – Il satellite Sirio compie 40 anni – La guida definitiva allo Spazio made in Italy

Corriereinnovazione.it – Quarant’anni fa, il 26 agosto 1977, l’Italia spediva in orbita Sirio il primo satellite nazionale che sperimentava nuove telecomunicazioni spaziali e da allora ha lanciato 25 satelliti per ricerche scientifiche e per l’innovazione tecnologica nel campo delle telecomunicazioni e dell’osservazione della Terra. Così è cresciuto un nuovo mondo prezioso per la nostra economia e che oggi ha reso l’Italia protagonista della Space Economy mondiale. – Leggi tutto qui